Domani a Washington si terrà la cerimonia del “Premio Eccellenza Italiana”.

On 25 October in Washington DC, the first edition of Premio Eccellenza Italiana will take place
On 17 October in Washington DC, the 2nd edition of Premio Eccellenza Italiana

Domani a Washington si terrà la cerimonia del “Premio Eccellenza Italiana”. Il Premio, presieduto da Santo Versace, ha nella sua giuria personalità italiane come l’ex ministro degli Esteri ed ex ambasciatore a Washinghton, Giulio Terzi di Sant’Agata, il critico d’arte e giornalista Philippe Daverio, il guru della nutrizione e docente a “La Sapienza” Luca Piretta, l’armatore Salvatore Lauro e personalità italoamericane che vivono la realtà degli Stati Uniti d’America diffondendo il loro radicato valore e la loro passione per l’Italia nel mondo. Il Premio ha come obiettivo quello di accendere i riflettori su personalità del mondo dell’economia e della cultura, su aziende e siti culturali che rappresentano l’Italia nel mondo.

Il Premio Eccellenza Italiana (www.premioeccellenzaitaliana.it), ideato dal giornalista  ed esperto di marketing internazionale Massimo Lucidi, si svolgerà a Washington domani (alle ore 12) al Cafè Milano, il ristorante più amato dai presidenti degli Usa (www.cafemilano.com). Il Premio è patrocinato dall’Asmef, presieduta da Salvo Iavarone, che con il programma istituzionale delle Giornate dell’Emigrazione giunge alla decima edizione. L’evento precederà di poche ore il Gala 2015 dalla Fondazione Niaf, nel quale sarà premiato anche il proprietario del Cafè Milano, l’imprenditore Franco Nuschese. “Il Premio – ha affermato Massimo Lucidi – è per chi crede e per chi lavora con entusiasmo, per chi nonostante le difficoltà e le delusioni sorride al futuro, perché lavora con il prossimo e per il prossimo. Tanti di questi sono italiani in Italia e nel mondo”. Il Premio accende i riflettori su persone, prima di tutto, ma anche aziende, stili e profili che danno un contributo significativo al cambiamento culturale e sociale affermando i contenuti propri del “made in Italy”.

Cultura, benessere, bellezza, eleganza, passione, innovazione sono i valori più espressivi e unici dell’italianità. Il Premio conferma la buona stella dal momento che i premiati hanno realtà in forte sviluppo e che alimentano percorsi di crescita e di best practice per il territorio. È il caso del vincitore 2015 della sezione Industria: il Gruppo Caffo. L’azienda di Limbadi, a pochi passi da Capo Vaticano, che festeggia il suo centenario, è una realtà industriale internazionale che non produce solo l’Amaro del Capo, ma tanti distillati di eccellenza che coniugano tradizione e innovazione, rendendo unici i prodotti distribuiti in tutto il mondo. Un’azienda capace di competere utilizzando le armi della comunicazione e del marketing dopo aver consolidato un’ampia gamma di prodotti tipici. Il Gruppo Caffo è strutturato con una società nel New Jersey e con dipendenti che nella struttura commerciale fanno riferimento ad Alessio Pane, vicepresidente della Caffo Beverage.

Il Premio Eccellenza Italiana per la Moda va alla Doratex spa, l’azienda della Famiglia Ferrari nella bassa bresciana, nata oltre cinquant’anni fa per sviluppare una maglieria di grande qualità. È un esempio di stile e raffinatezza che sviluppa più marchi quali Gio Ferrari, Andrea Fenzi e Cristiano Fissore. Ed è proprio col suo marchio di punta, Andrea Fenzi, che Doratex vince il Premio Eccellenza Italiana per la prima volta nella sezione moda, convincendo in primis il suo presidente Santo Versace per due motivi. Sia perché Doratex, sapientemente guidata dal commendatore Mario Ferrari, dalla moglie Ester Tonon e dal figlio Cesare, è una azienda total look per uomo giovane e sportivo ma anche per la continua capacità che dimostra di convertirsi alle diverse esigenze dei mercati globali, con grande abilità manageriale e solidità finanziaria. Estro e management sono la migliore premessa per crescere.

Il Premio alla Cultura è assegnato alla Villa greco-romana di Casignana. Siamo a Bianco, un lembo di terra in provincia di Reggio Calabria che valorizza il vino Greco di Bianco (appunto). In un ambiente ancora incontaminato, in una villa romana con mosaici conservati e recuperati con un corposo intervento sostenuto dall’Europa e con tanti produttori locali capaci di ripercorrere quella produzione di vino doc unico per storia e gusto. Trattasi di un vino dolce, ottimo dopopasto, com una storia millenaria alle spalle. Lo si deve a una visione di progetto che ha distinto tanti volontari e una famiglia in particolare, i Crinò nei due fratelli Franco e Pietro. Nuro Efis ritirerà invece il Premio Eccellenza Italiana per la sezione Startup per un innovativo sistema di volo messo a punto da una giovane squadra di ingegneri capitanati dall’entusiasmo di un fiscalista internazionale del calibro di Giuseppe Nucera, che interverrà personalmente a Washington anche per ritirare il Premio sezione Innovazione assegnato alla società Seim System di Giovanni Sabetti.

Aziende, queste, che hanno cominciato grazie a lavorare assieme, grazie anche al Premio che dimostra come serva davvero a raccontare l’Italia del merito e a creare un produttivo networking. Il Premio per l’internazionalizzazione delle imprese invece andrà al presidente del Gruppo Pmi Estero di Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili), Gerardo Biancofiore, per l’impegno profuso nell’internazionalizzazione delle imprese italiane di costruzione, attraverso un innovativo metodo che affianca le aziende in ogni fase dell’approccio ai mercati di sbocco. Dall’informazione e dalla consulenza su servizi finanziari e assicurativi fino alla partecipazione a missioni selettive, scelte sulla base di una puntuale valutazione delle potenzialità offerte dal Paese di riferimento.

“La presenza di Cristoforo Pignata – ha continuato Lucidi – imprenditore italiano che sta investendo a Miami e patron del prestigioso Puntino Restaurant sulla Lincoln Road di Miami Beach – è segno di crescita del Premio”.

Infatti i Comitati, Italiano e Americano, stanno progettando numerose iniziative culturali collaterali al Premio, non solo nomination dunque a Miami, ma anche un evento d’arte, dal 3 al 6 dicembre in occasione di Miami Art Basel. Ed infine Lucidi ha ringraziato imprenditori come il fondatore della Diesel, Renzo Rosso, che da Miami hanno fatto squadra e supportato gli eventi.

 

fonte:  http://www.opinione.it/cultura/2015/10/16/piepoli_cultura-16-10.aspx